Dolcetti Goduriosi al Cioccolato

Dolcetti Goduriosi al Cioccolato

Dolcetti Goduriosi al Cioccolato Forse uno dei motivi per cui adoro cucinare è che non c'è niente (diciamo poche cose) di più bello del "volersi bene seduti a tavola". La cucina per me è soprattutto amore e condivisione; amore per i prodotti di qualità, per i cibi semplici e veri, quelli che regalano emozioni e che fanno sentire in pace con il mondo, almeno per un attimo. E condivisione perchè a mio parere l'esperienza sensoriale ed emozionale di un cibo non è completa se non è condivisa.  I miei ricordi più belli legati alla cucina sono di lunghissime tavolate sotto la grande magnolia della Roncaglia dove tantissimi amici hanno amato e condiviso il cibo insieme alla mia famiglia. E….

…E una sera di 30 anni fa sotto la grande magnolia sono arrivati anche questi dolcetti, così semplici e così buoni, che sono ormai entrati a far parte delle ricette di famiglia e forse un po' di più, visto che sono diventati anche i "dolcetti di San Paolo", quando ogni anno a Luglio per Sant'Anna noi marchirolesi si va a fare il pic nic sul nostro monte. Dopo pranzo si apre il grande contenitore di latta, si fa girare e ognuno mette dentro la mano, a volte tutte e due!

DOLCETTI GODURIOSI al CIOCCOLATO
Per 25 dolcetti

120g Farina 00 (Per la versione Gluten Free, 120g di farina di riso)
125g Burro
125g Cioccolato Fondente al 50-70%
200g Zucchero (ma si può ridurre a 170-180g)
3 Uova

Pirottini (quelli più bassi dei pirottini da muffin)

Sciogliere in forno (sui 100°C) il cioccolato spezzettato, il burro e metà dello zucchero. Nel frattempo montare bene i tuorli con il resto dello zucchero. Quando il composto di cioccolato, burro e zucchero ha la consistenza di una crema, toglierlo da forno, lasciarlo raffreddare per qualche minuto e poi aggiungerlo con una frusta a mano ai tuorli montati. A questo punto aggiungere la farina e mescolare delicatamente sempre con la frusta. Portare la temperatura del forno a 180°C e sbattere gli albumi con una forchetta fino a quando iniziano a formare una schiumetta bianca (non devono essere montanti a neve). Incorporarli al resto dell'impasto e amalgamarli bene. Riempire i pirottini con un cucchiaio abbondante dell'impasto ed infornare per 11 minuti, massimo 12' (si deve formare una crosticina in superficie ma al centro devono rimanere morbidi).

Mi raccomando, cioccolato e burro devono essere di ottima qualità. Il tempo di cottura è fondamentale per la riuscita di questi dolcetti perchè devono rimanere morbidi e scioglievoli all'interno.

Tanto per darvi un'idea a casa noi facciamo sempre tripla dose…e ogni volta spariscono perchè uno tira l'altro.

E voi, avete una ricetta che è sinonimo di condivisione e stare insieme? La condividete con noi? Forza, che vogliamo le ricette!!!

Un sorriso grande,
D.

PS. Li ho anche fatti in versione gluten free utilizzando cioccolato e farina adatti e sono venuti altrettanto bene, anzi ad alcuni sono piaciuti di più perchè rimangono più cioccolatosi.


Articoli correlati:

  1. Baci di Alassio
  2. Barattolini di Tiramisù al Pistacchio con le Fragole

Articoli più recenti dello stesso autore:
  1. Erbe di Primavera: Silene
  2. Erbe di primavera: insalata matta
  3. Gli Gnocchi di GM: Di Castagne
  4. Pasqua per chi mastica all’inglese: Hot Cross Buns
  5. Pane di Polenta: Panpolenta
  6. l’ora del tè: crumpets
  7. Manuale della Panificazione Italiana
  8. Non Solo Zucchero, e 4!
  9. la liguria e i suoi canestrelli
  10. Crescentine: Non chiamatele Tigelle!

Commenti.

comidademama 15-09-2011, 08:29

Ricetta meravigliosa, Diletta!

DILETTA CASTELLANI 15-09-2011, 08:35
LYDIA CAPASSO 15-09-2011, 08:50

Per me sinomino di condivisione a tavola sono le polpette al sugo, quelle semplici, cotte in umido nel sugo di pomodoro, belle morbide, con tanto pane, come le faceva la mia nonna

DILETTA CASTELLANI 15-09-2011, 09:13

Le polpette al sugo…buone! Da bimbetta le mangiavo spessissimo e facevo arrabbiare mia mamma perchè le rubavo direttamente dal tegame. :)

Gaia 15-09-2011, 11:03

Le polpette.. ci avrei giurato!!
;-P

LYDIA CAPASSO 15-09-2011, 12:50

Gaia, quanto sono prevedibile!!!!!

Elvira 15-09-2011, 08:59

mi vengono in mente i ferri di cavallo, che non potevano mancare quando si riuniva la cricchetta di amiche (anche se qui hannno altre forme):

http://unfiloderbacipollina.blogspot.com/2009/01/per-strane-zampe-di-cavallo.html

Infilo idealmente due mani e due manine nella scatola :)

DILETTA CASTELLANI 15-09-2011, 09:14

Grazie Cibou! Vado a vedere subito la ricetta. :)

GIOVANNA ESPOSITO 15-09-2011, 12:27

Condivisione? Direi i crocchè di patate, se non fosse perché li mangiavo tutti io :) . O le indimenticabili palle di riso con la genovese di mia nonna…

Rosaria 16-09-2011, 07:16

Scusami ho letto con attenzione la ricetta, tra gli ingredienti c’è la farina ma nel procedimento non la mensioni. Io non sono molto brava in cucina, ed ho letto anche di dolcetti al cioccolato senza farina. Mi faresti sapere? Visto la semplicità vorrei prepararli oggi. Grazie

DILETTA CASTELLANI 16-09-2011, 09:02

Rosaria, grazie per l’occhio acuto è stata una svista ora correggo subitissimo!!!
Comunque la farina va aggiunta dopo il cioccolato/burro/zucchero.

Un sorriso e buona preparazione!,
D.

LYDIA CAPASSO 02-11-2011, 22:13

Dile, una domanda: quanto tempo si conservano?

DILETTA CASTELLANI 03-11-2011, 04:33

Lydia, chiusi in un contenitore ermetico credo anche per 10-15 giorni. Dico credo, perchè non sono mai durati per più di un paio di giorni.

Lascia un Commento


Puoi commentare tramite il tuo account Facebook

ARCHIVIO