Giornata mondiale della Pasta

Giornata mondiale della Pasta

Giornata mondiale della pasta Oggi è il 25 ottobre, dal 1998 giornata mondiale della pasta.
Noi di Gastronomia Mediterranea vogliamo festeggiarla a modo nostro ed abbiamo deciso di raccogliere in un unico post le nostre ricette di pasta preferite. Buona giornata della pasta a tutti!

SPAGHETTI UBRIACHI di Maria Teresa

Ingredienti
spaghetti
vino rosso (circa un litro)
3 cipolline fresche
2 foglie di alloro
1 rametto di timo fresco
fiori di finocchio
olio extravergine d’oliva
sale e pepe

Versare il vino nella pentola per la cottura della pasta aggiungere due foglie di alloro e circa mezzo litro di acqua, portare a bollore con poco sale. Cuocere gli spaghetti, come d’abitudine, scolarli bene e spadellarli in una padella in cui si sia fatto soffriggere un battuto sottile di cipolline fresche, fiori di finocchio e timo fresco. Aggiustare di sale e pepe e mangiare di corsa.

 

SPAGHETTI AGLI ZUCCHINI ALLA NERANO di Lydia

Per 4 persone
400 g di spaghetti
1 kg di zucchine
Olio per friggere
80 g parmigiano grattugiato
50 g provolone di sorrento (detto bebè)
20 g provolone del monaco
Basilico
Pepe
20 g di burro

Friggere gli zucchini a rondelle e metterli in un capace tegame con il burro, metà dei formaggi grattugiati e il basilico spezzettato con le mani.
Lessare al dente gli spaghetti in abbondante acqua salata e tenere da parte qualche mestolo di acqua della cottura.
Versare la pasta appena scolata nel contenitore con le zucchine e i formaggi e mescolare velocemente e abbondantemente aiutandovi con un po’ di acqua della cottura (bella calda mi raccomando).
Continuate velocemente ad aggiungere i formaggi grattugiati senza mai smettere di mescolare.
Solo se necessario mettere il tegame sul fuoco.
Vedrete che si creerà una bella e gustosa cremina.
Una macinata di pepe e ancora qualche foglia di basilico e il gioco è fatto

LINGUINE AL POMODORO, ALICI, PINOLI E FINOCCHIETTO di Edda
(per 4 persone)

- 400 g di linguine
- 400 g di pomodori pelati (una scatola piccola)
- 5 sarde sotto sale dissalate sotto l'acqua corrente e asciugate rapidamente
- 4 cucchiai di foglie di finocchietto selvatico essiccato
- 1 ramo di sedano tagliato a dadini
- 2 cucchiai d'olio d'oliva, sale grosso
- ½ cipolla rossa o una cipolla di Tropea (meglio)
- 1 piccolo peperoncino
- 2 cucchiai di pinoli
1. Mettere a bollire l'acqua per la pasta poi salarla leggermente (meno del solito insomma, per via delle alici)
2. Nel frattempo, preparare il sugo. Far soffriggere in una padella con l'olio, il peperoncino, le alici, la cipolla, il sedano, 2 cucchiai di finocchietto. Mescolare e soffrigere per ancora 5 minuti. Aggiungere i pomodori poi cuocere a fuoco medio per 10-15 minuti: il tempo che il sugo s'insaporisca e si addensi. Durante la cottura versare un bicchiere d'acqua. Spegnere e aggiungere 2 cucchiai di finocchietto e i pinoli
3. Cuocere le linguine, scolarle poi versarle nella padella per condirle. Eventualmente aggiungere un filo d'olio a crudo. Servire.

 

PENNE con PEPERONI, PINOLI, UVETTA & CURRY di Diletta

Per 4 persone
320-360gr Penne (questa volta le ho usate integrali)
4-5 Peperoni (gialli, rossi e verdi)
2 Manciate di uvetta
2 Manciate piccole di pinoli
1-2 Scalogni
Curry, q.b.
Olio extra vergine, q.b.
Sale, q.b.

In una padella grande mettere abbondante olio e far soffriggere lo scalogno insieme alle uvette e ai pinoli. Aggiungere i peperoni tagliati a quadrotti, il sale e far cuocere per circa 15 minuti con il coperchio. Se è necessario aggiungere di volta in volta un paio di cucchiai di acqua. Nel frattempo cuocere le penne al dente. Quando i peperoni sono quasi cotti aggiungere un cucchiaio di acqua di cottura della pasta e un cucchiaino di curry e mescolare in modo che il tutto si amalgami bene. Assaggiare e se si vuole, aggiungere ancora del curry secondo il proprio gusto. Scolare la pasta e farla saltare con il condimento per un minuto. Servire.

 

LINGUINE CON TOTANI, PATATE E POMODORINI CONFIT AL TIMO LIMONATO di Giovanna

Per 4 persone:
360 g di linguine
700 g di totani di dimensioni medio-piccole
500 g di patate
due piccoli bulbi di aglio fresco o due spicchi d'aglio secco
peperoncino
10-12 pomodorini del Vesuvio non piccolissimi
timo limonato
sale
zucchero
olio
scorza di un limone
basilico
vino bianco secco

Lavare i pomodorini e tagliarli a metà nel senso della lunghezza. Disporre le metà su una placca ricoperta di carta da forno, con la parte tagliata in alto, e cospargerli con un trito preparato con un bulbo di aglio fresco (o uno spicchio di quello secco) e abbondante timo limonato. Spolverizzarli con un pizzico di sale e uno di zucchero, spruzzarli con poche gocce d'olio e infornarli a 75° per 3 ore.
Al termine della cottura, farli riposare fino a raffreddamento, poi passarli al mixer con la scorza di limone aggiungendo, se necessario, altro timo limonato (il profumo deve essere ben presente). Rendere liscia la crema ottenuta con l'aiuto di un frullatore ad immersione.

Tagliare le patate a dadini piccoli. Scaldare un filo d'olio in una padella antiaderente, versarvi le patate e portarle a cottura a fuoco basso, senza farle rosolare. Devono essere molto tenere. Salare.
Togliere le patate dalla padella, rinnovare l'olio, farvi rosolare l'altro bulbo d'aglio fresco insieme a poco peperoncino, aggiungere i totani puliti, eviscerati  e tagliati ad anelli e farli saltare a fuoco vivo, facendoli scoppiettare, per 5 minuti, aggiungendo, due minuti prima della fine della cottura, un piccolo spruzzo di vino bianco. Salare e spegnere il fuoco. Unire le patate al sughetto di totani.

Cuocere le linguine in acqua bollente salata. Scolarle al dente e saltarle nel condimento di totani e patate con l'aggiunta di un mestolino dell'acqua di cottura. Mantecarle, a fuoco spento, con la crema di pomodori confit, nella misura di un cucchiaio circa a persona. Completare con poco basilico spezzettato.

CACIO E PEPE ALLA GIUDIA di Fabrizio

Ingredienti per 2 persone:
- 5 carciofi violetti
- 1 patata
- 300 gr di pecorino romano, parmigiano reggiano e pecorino di fossa
- pepe nero, pepe 3 colori e pepe di sechuan
- 200 gr di Spaghetti alla chitarra Garofalo
- 1 spicchio d’aglio
- sale, olio evo
- olio di semi per frittura

Per la crema di carciofi e patate: pulire, mondare e tagliare a spicchi 3 carciofi, sbucciare la patata e tagliarla a spicchi della stessa grandezza dei carciofi e lasciar stufare per una mezz’ora in un soffritto di aglio e olio. Quando, sia i carciofi che la patata, sono morbidi, passare al mixer e filtrare il composto al colino fine ottenendo una crema densa e morbida. Aggiustare di sale e di densità con un cucchiaio d’acqua tiepida, se necessario.

Per il carciofo alla giudia: pulire e mondare il carciofo, aprirlo a fiore e friggerlo a testa in giù in abbondante olio di semi. Lasciar sgocciolare l’olio in eccesso e tenere in caldo.

Per il cacio e pepe: cuocere gli spaghetti risottandoli, ovvero in pochissima acqua, aggiungendone un mestolino quando serve. In questo modo la pasta rilascerà l’amido tanto utile per formare la cremina. Quando lo spaghetto è al dente, a fuoco spento, aggiungere i formaggi precedentemente grattugiati, mantecando con cura. Aggiungere anche i pepi in fase di mantecatura.
Disporre sul piatto la crema di carciofi e patate a specchio, adagiarvi al centro un nido di spaghetti cacio e pepe ed il carciofo fritto in cima.


Articoli correlati:

  1. Gragnano: la follia della pasta
  2. Gragnano, capitale della pasta
  3. 4 chiacchiere sulla pasta
  4. è tempo di frittate
  5. L’aïoli, la salsa della Provenza

Articoli più recenti dello stesso autore:
  1. il rinnovato mercato centrale di firenze
  2. farro con patto di fiducia
  3. Campari, un museo e un ristorante
  4. carte in tavola alla braidense
  5. cucina sotto torchio
  6. Arte moderna da mangiare
  7. ottenere la felicità con un talismano
  8. ridere e sorridere al mercato 2
  9. academia barilla: la biblioteca
  10. Petronilla tra ricette mediche e di cucina

Commenti.

raffaella 26-10-2011, 13:31

Superlativo modo di festeggiare la giornata della pasta, raggruppando i vostri must. Complimenti

DILETTA CASTELLANI 26-10-2011, 19:05

Grazie Raffaella.
E’ proprio una bella carrellata di ricette!
Un sorriso buono,
D.

Lascia un Commento


Puoi commentare tramite il tuo account Facebook

ARCHIVIO