lo zelten un dolce di eccezione

lo zelten un dolce di eccezione

Lo zelten un dolce di eccezione La tradizione gastronomica trentina non è variegata e stratificata come quella di altre regioni italiane, eppure vanta alcuni capi saldi che non solo ne interpretano pienamente la tradizione ma che hanno indubbiamente il fascino integro della semplicità.

 

Lo zelten è per tradizione il dolce del Natale in Tentino ed ogni vallata, ogni paese, ogni famiglia ha la sua versione. Lo si comincia ad infornare i primi di dicembre e si continua fino alla Befana, poi scompare dai forni e dalle case per ricomparire l'anno seguente. Lo si porta in regalo, lo si mette pure sotto l'albero, perché ha il vantaggio di conservarsi con agio per una decina di giorni senza perdere in fragranza.
Fondamentalmente è un impasto semplice di farina, burro, uova con frutta secca in varia proporzione (mandorle, noci, nocciole, pinoli, uva sultanina e fichi secchi), sulla base della disponibilità delle cucine.
A dispetto della sua semplicità il suo stesso nome tradisce l'eccezionalità di questo impasto, la parola zelten infatti deriva dal tedesco selten che vuol dire qualche volta, o anche raramente. Lo zelten è dunque un dolce che fa festa, riservato a questo particolare momento dell'anno e ad esso intrinsecamente legato: il profumo dello zelten nel forno è in una casa trentina il profumo stesso del Natale.

Nota: le dosi sono per 4 zelten di media dimensione (più o meno 20 cm di diametro)

250 g di burro
150 g di zucchero
400 g di farina
4 uova
250 g di uvetta
150 g di noci, mandorle e nocciole
500 g di fichi secchi (morbidi)
50 g di pinoli
2 bustine di vanillina
2 bustine di lievito
1 pizzico di sale
madorle, noci, pinoli e frutta candita per decorare

Tagliare a fette sottili i fichi e sminuzzare le noci, mescolare al resto della frutta e a 2 cucchiai di farina in modo che gli ingredienti si separino tra loro.
Montare il burro con lo zucchero, aggiungere la vanillina e il sale, quindi le uova, le due bustine di lievito e la farina in modo da ottenere un impasto morbido ma compatto. Versare sulla frutta infarinata e amalgamare bene con le mani.
Versare l’impasto in tortiere imburrate e infarinate livellandolo con le mani (bagnate) in modo che risulti alto circa un centimetro.
Ricoprire l’impasto con altri 50 g di pinoli e decorare a piacere con frutta secca e candita. Cuoocere in forno già caldo a 180 gradi per circa 30/40 minuti.
Lo zelten si conserva bene per una decina di giorni.


Articoli correlati:

  1. il babà: la leggenda di un dolce
  2. 3 leggende per un dolce

Articoli più recenti dello stesso autore:
  1. c’era una volta in cucina
  2. Tra appetito e appetibilità (televisiva)
  3. Junior Masterchef: bambini adulti e adulti bambini
  4. L’insalata russa, tra storia e geografia
  5. L’aglio insolito: i talli
  6. Ingredienti etnici, qualche dritta
  7. Il mondo nel piatto della propria cucina
  8. La versione giusta: litigare in cucina
  9. Eppur si mangia: il pungitopo
  10. Cucinare e mangiare la foglia

Lascia un Commento


Puoi commentare tramite il tuo account Facebook

ARCHIVIO