Halloumi: il formaggio di Cipro

Halloumi: il formaggio di Cipro

Halloumi: il formaggio di Cipro Candido, compatto, sapido e aromatico, l'Halloumi (in realtà non so se sia femmina o maschio) è un formaggio particolare, da scoprire.

Nato a Cipro durante il periodo medievale Bizantino, l'Halloumi si è poi diffuso in tutta l'area dell'est Mediterraneo (come la Grecia o la Turchia) sotto altri nomi visto che la parola Halloumi è protetta e indica che il formaggio è stato rigorosamente prodotto a Cipro.

Composto da latte di pecora e di capra, è un formaggio a pasta cotta, ripiegata durante la lavorazione (da lì il suo aspetto sgualcito) tra l'altro simile alla mozzarella. Fatto stagionare 40 giorni, è aromatizzato con sale e erbe, di solito menta che serve anche come conservante.

Ha una consistenza omogenea, compatta e ricorda molto vagamente un primosale in versione dura e salata. Rimane quindi un formaggio del tipo fresco.

I ciprioti amano servirlo l'estate con l'anguria, altra frutta fresca o in un'insalata oppure grigliato da solo o su spiedini di carne. Si puo' anche friggere. In effetti il suo alto punto di fumo fa sì che mantenga la sua forma.

Accompagna da secoli il quotidiano dei ciprioti ed è sempre presente, dalla colazione alla cena.

Viene venduto sottovuoto con un po' del suo siero in modo da poterlo conservare in frigo per diversi mesi. Non è che la confezione sia invitante ma basta aprirlo per scoprirne la freschezza.

Dal punto di vista nutrizionale non è molto grasso (intorno al 25%) e soprattutto ha un elevato contenuto di calcio.

Piccolo dettaglio carino: gli svedesi ne vanno pazzi, sono i secondi consumatori mondiali di Halloumi dopo i ciprioti.

Buono, esotico e comodo, anche su una semplice insalata di rughetta.


Articoli correlati:

  1. la tosella, un formaggio femmina
  2. La Formaggella del Luinese

Articoli più recenti dello stesso autore:
  1. Il crescione d’acqua
  2. Crema di crescione e mascarpone
  3. Il pollo cotto a bassa temperatura
  4. U Brocciu, il latticino corso
  5. Paris des Chefs e il mondo di Alain Passard
  6. Consigli per cuocere il pollo arrosto
  7. Sardines gratinées aux pistaches
  8. Dolcetti per la calzetta della Befana
  9. Mela annurca, la regina delle mele
  10. Coups de coeur au Salon Saveurs
Tags:  ,

Commenti.

Jean-Michel Carasso 11-01-2012, 10:16

Non è né maschio né femmina, in greco è neutro (articolo: “to”) come tutti i formaggi e tutto ciò che non è essere vivente…

Edda Onorato 11-01-2012, 14:34

Grazie Jean-Michel :-)

aldebarina 12-01-2012, 10:13

buonissimo l’Halloumi, ne vado matta ma a milano non riesco + a trovarlo… qualche suggerimensto su dove acquistarlo?
Grazie :-)

Edda Onorato 12-01-2012, 12:37

Forse in negozi medio-orientali o anche alcuni discount (stranieri)

LYDIA CAPASSO 12-01-2012, 13:33

Proprio ieri facevo la stessa domanda su facebook e mi hanno detto di provare alla lidl oppure in Svizzera all’aldi

aldebarina 12-01-2012, 23:43

Ciao Lydia :-) alla lidl lo compravo qualche annetto fa ma recentemente non l’ho + trovato… farò qualche tentativo nei negozi mediorientali, se lo scovo faccio sapere :)

LYDIA CAPASSO 13-01-2012, 10:36

Chi prima lo scova avverte l’altra.
Un abbraccio

GIOVANNA ESPOSITO 12-01-2012, 12:27

Buono l’halloumi: alcuni a Creta ci fanno il Saganaki (formaggio fritto) usandolo al posto del Graviera o del Kefalotyri, e si avverte molto la differenza di consistenza. Inutile dire che io trovo solo Feta…

Edda Onorato 12-01-2012, 12:40

Sì deve essere molto diverso. Buono fritto, l’ho fatto l’altro giorno.
La feta è più diffusa non c’è dubbio ma mi dicono che nei paesi nordici (partendo dall’Inghilterra…) si trovi molto facilmente, fa parte del quotidiano :-)

Lascia un Commento


Puoi commentare tramite il tuo account Facebook

ARCHIVIO