La caponata d’inverno

La caponata d’inverno

 
La caponata d'inverno Certo la caponata, piatto suntuosamente principe nella cucina siciliana, è la regina dell'estate. Le melanzane, che ne sono nella versione più celebre l'ingrediente solista in una sinfonia di sapori modulata sull'agro-dolce, danno il meglio di sè nel pieno dell'estate, che per fortuna in Sicilia è lunga: si comincia a giugno e si finisce al limite di ottobre.

 

Ma in inverno? In inverno per fortuna ci sono i carciofi, e sono loro a prendere il posto delle melanzane in una versione che non ha nulla da invidiare a quella estiva né sul piano del sapore, né su quello della tradizione.
Naturalmente poi le versioni sono molte, molti i modi di giocare sull'agro e sul dolce, includendo o escludendo questo o quell'ingrediente (in primis la cipolla), ma includendo sempre necessariamente sedano, olive verdi, capperi, uvetta, pinoli, zucchero e aceto.

10 carciofi
2 coste di sedano
2 cucchiai di capperi sotto sale
1 cucchiaio di pinoli
1 cucchiaio di uva passa
20 olive verdi tagliate a quarti
1 grosso pomodoro (o della buona polpa di pomodoro in conserva)
1/2 bicchiere di aceto di vino bianco
2 cucchiai di zucchero
sale e pepe

Curare coraggiosamente i carciofi, togliendo la gran parte delle foglie esterne e le punte, tagliarli a spicchi regolari e immergerli in acqua acidulata con limone, quindi sbollentali velocemente, scolarli bene e tenerli da parte. Sbollentare anche il sedano tagliato a rondelle e le sue foglie più tenere, scolare bene anche in questo caso. In una padella larga saltare con poco olio extravergine i carciofi e il sedano in modo da renderli appena croccanti, quindi toglierli dalla padella e tenere da parte. Versare ora nella stessa padella il pomodoro schiacciato, aggiungere due cucchiai di olio extravergine di oliva e successivamente i capperi, le olive, il sedano, i carciofi, i pinoli e l’uvetta precedentemente ammollata nell’aceto con lo zucchero. Far cuocere il tutto a fiamma non forte, finché non risulti ben amalgamato, aggiustare di sale e pepe e servire tiepida o fredda.


Articoli correlati:

  1. Giornata mondiale della Pasta
  2. L’orata con carciofi di Paolo Lopriore
  3. Due pesti dalla Sicilia
  4. lo zelten un dolce di eccezione
  5. Pappardelle al pesto di melanzane

Articoli più recenti dello stesso autore:
  1. c’era una volta in cucina
  2. Tra appetito e appetibilità (televisiva)
  3. Junior Masterchef: bambini adulti e adulti bambini
  4. L’insalata russa, tra storia e geografia
  5. L’aglio insolito: i talli
  6. Ingredienti etnici, qualche dritta
  7. Il mondo nel piatto della propria cucina
  8. La versione giusta: litigare in cucina
  9. Eppur si mangia: il pungitopo
  10. Cucinare e mangiare la foglia

Commenti.

eggi 14-01-2012, 13:05

questa caponata credo sia da assaggiare assolutamente, ma volevo dire che per evitare che i carciofi si ‘anneriscano’ si può usare anche del prezzemolo (anche il gambo) precedentemente ‘stropicciato’ tra le mani

Chefclaude 17-01-2012, 00:48
CorradoT 15-01-2012, 18:26

Bella versione, complimenti!
Bellissimo il “coraggiosamente” :)

Lascia un Commento


Puoi commentare tramite il tuo account Facebook

ARCHIVIO