Consigli per cuocere il pollo arrosto.Il mitico pollo arrosto. Quell'odorino stupendo che dà fame a qualsiasi ora quando si passa davanti ad una rosticceria. Difficile resistere e dimenticarlo. 

 
Quante volte non ci è venuto bene, con il petto secco o la coscia cruda. Non si avvicinava nemmeno lontamente alla versione rosticceria (difficilmente superabile tra l'altro per via del tipo di forno).
La verità è che ci vuole giusto un po' d'impegno, diciamo rigore, ma la parola è troppo forte. Per fortuna, per noi, le regole sono poche e semplici, lo scopo è l'uniformità di cottura.
 
Consigli per cuocere ad alta temperatura (metodo tradizionale)
 
1. prendere un pollo ruspante: è molto più saporito, meno grasso e contiene meno acqua
2. salarlo internamente ed esternamente poi pennerlarlo con dell'olio o del burro fuso
3. cuocerlo ad alta temperatura, intorno a 220°C prima con il petto in su
4. tempi: per un pollo di circa 1,2 kg ci vorranno circa 50 minuti/1 ora e per un pollo di 1,4 kg ci vorrà circa 1h15
5. rigirarlo su ogni lato ogni quarto d'ora circa con un forchettone infiliato nell'articolazione della coscia. Se avete uno spiedo che entri in forno è l'ideale (anche perché gira da solo). Finire la cottura con il petto in giù in modo che tutti i succhi lo idratino
6. è cotto quando infilzando la forchetta nell'articolazione della coscia il liquido che fuoriesce è limpido, dorato, senza più tracce rosse
7. farlo riposare in caldo 5-10 minuti prima di servire in modo che tutti i succhi si distribuiscano bene.
 
Certo poi ci sarebbe anche il metodo bassa temperatura, molto in voga e che funziona ma il risultato è diverso (alcuni ormai non riescono più a tornare al vecchio metodo).
Magari ve ne parlo un'altra volta…
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0