El roscon de reyes Il 6 gennaio è in Spagna una festa grande. Tradizionalmente è infatti nella notte dei re magi, e non in quella di Natale, che i bambini ricevono i regali accompagnati naturalmente da dolci e cibi speciali. Il roscon de reyes è per eccellenza il dolce del pranzo di questa giornata speciale.

Lo si prepara da tempi antichissimi, anzi sembra addirittura che questa cimbella, simile eppure molto diversa dalla curonne des rois francese, sia legata ai culti pagani in onore del dio Giano in cui era uso impastare una focaccia con frutta secca e miele e nascondervi all'interno una fava o un legume secco, per incoronare colui che la trovava come re della festa.

Questa tradizione è rimasta viva anche nella sua trasposizione cattolica e dentro al roscon de reyes, come dentro alla galette francese, viene nascosta una figuretta di ceramica per rendere re, con una corona di cartone, il fortunato che la riceve. Ma gli spagnoli nascondono nel dolce dei re anche una "fava" lo "sfortunato" che la troverà nella propria fetta dovrà pagare il dolce dell'anno successivo.

in tutte le pasticcerie si trova il 5 gennaio e gli spagnoli lo comprano per casa e per regalarlo agli amici. Esistono naturalmente mille e una ricetta tradizionali per farlo a casa, ma non avendone provata direttamente nessuna preferiamo linkare a una versione "ufficiale" con tanto di video (naturalmente in spagnolo!).

La ricetta

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0