A Paestum, per Le Strade della Mozzarella

A Paestum, per Le Strade della Mozzarella

A Paestum, per Le Strade della Mozzarella
E' il prodotto-simbolo di un'intera area geografica e la sua meritata notorietà può fare da traino alle altre eccellenze enogastronomiche del territorio.
A lei, alla mozzarella di bufala, è dedicata anche quest'anno, dal 7 al 9 maggio,  "Le strade della mozzarella", convention che di anno in anno cresce e mette a fuoco i propri obiettivi.

Da Mauro Uliassi a Gennaro Esposito, da Igles Corelli e Davide Scabin, alcuni dei migliori chef d'Italia proporranno le loro interpretazioni della candida perla di latte, interpretazioni che  sarà possibile non solo conoscere attraverso il racconto degli chef stessi ma anche assaggiare in una serie di laboratori articolati, quest'anno, intorno al tema del viaggio.
Abbandonata la sede tradizionale, il Ristorante Nettuno nell'area dei templi di Paestum, a favore del bellissimo Parco Capodifiume Ristorante Le Trabe, il concetto e la filosofia della manifestazione restano però gli stessi: aggregare intorno alla valorizzazione e all'uso creativo della mozzarella dei grandi nomi che, tra rispetto del prodotto e provocazione, siano capaci di esaltarne le potenzialità in cucina.

Nel corso della convention ai laboratori con gli chef si alterneranno presentazioni di libri, gare culinarie, approfondimenti sull'abbinamento mozzarella-vino, visite turistico-archeologiche, incontri con "artigiani del gusto" come Paolo Parisi e Simone Fracassi, in un programma ancor più ricco e interessante che negli anni scorsi.
Noi abbiamo partecipato ad alcune delle edizioni precedenti e abbiamo trovato la manifestazione curata e stimolante, i luoghi, come è scontato, bellissimi, e riteniamo che la loro vocazione alla produzione di veri e propri tesori gastronomici meriti di essere conosciuta ben oltre i confini regionali.

Nino Di Costanzo con Enzo Vizzari

Quanto agli usi in cucina della voluttuosa bufala della Piana del Sele, non possiamo che sposare la tesi di Nino Di Costanzo, chef de Il Mosaico dell'Hotel Manzi, a Ischia, presente alla scorsa edizione de Le Strade della Mozzarella: meno la si manipola meglio è.

Nel 2010 il concetto è stato splendidamente reso dalla performance di Gennaro Esposito, che ha inserito la mozzarella nei propri piatti tal quale, sposandola ad altri ingredienti senza stravolgerne consistenza e gusto; nel 2011 dallo stesso Nino Di Costanzo, presentato da Enzo Vizzari, e da Raffaele Vitale, che ha spaziato tra i derivati del latte di bufala utilizzando anche provola affumicata e ricotta.

 

Raffaele Vitale di Casa del Nonno 13

Chi dimostrerà di avere maggiormente il "polso" del prodotto, quest'anno? Cercheremo di darvi la nostra modesta opinione in merito alla conclusione della convention.


Articoli correlati:

  1. Nascita di una mozzarella
  2. Mozzarella, quella seria
  3. Mozzarella Stories: Uomini & Bufale
  4. chef’s cup: ci siamo quasi
  5. Bait al Karama, la casa della dignità

Articoli più recenti dello stesso autore:
  1. Grazie, genio: invenzioni in cucina
  2. L’universo in un chicco. Di fonio.
  3. Torvehallerne, Mercato alla danese
  4. Tonno sì, ma del Chianti
  5. Dolci dalla fine del mondo
  6. Il bello di Taste
  7. Colori artici – I mercati finlandesi
  8. espansionismo pizzaiolo
  9. Cetara, le alici, il tonno e il circolo virtuoso
  10. Menù inquieti: dal nulla al troppo

Lascia un Commento


Puoi commentare tramite il tuo account Facebook

ARCHIVIO