A Ischia, per ristoranti

A Ischia, per ristoranti

A Ischia, per ristoranti Pesce, carne, verdure, mare, campagna, collina, ristorazione alta o cucina casereccia: se siete in vacanza ad Ischia le opzioni sono infinite, l'offerta illimitata. Ma come in tutti i luoghi molto turistici, il livello è variabile, di prezzo come di qualità, e l'insidia è dietro l'angolo.

La gastronomia isolana è semplice ma ricca e varia, e Ischia ospita anche alcuni ristoranti estremamente attraenti per qualsiasi gourmet. Provo a dare qualche suggerimento del tutto soggettivo, dividendo i ristoranti in fasce di prezzo.

Per tutti è preferibile, quando non indispensabile, prenotare.

Prezzi elevati:

Il Mosaico dell'Hotel Terme Manzi – Potrei anche risparmiarmi la citazione: due stelle Michelin, un giovane chef, Nino Di Costanzo, tra i più intelligenti e capaci in circolazione. Una cucina effervescente, colorata e deliziosa. Un pasto al Mosaico è anche un divertimento, per il modo fantasioso e sorprendente con cui i piatti vengono offerti e presentati.

Foto: http://www.termemanzihotel.com

Il Melograno – Nel fresco, curato e accogliente giardino di una villa bianca, cucina di alto livello, soprattutto di mare. Crudi meravigliosi. Cotture perfette, piatti puliti e eleganti. Cordialità nel servizio, impeccabile. Tra i migliori ristoranti dell'isola.
Aggiornamento (Luglio 2013): Purtroppo il ristorante di Giovanni Iovine ha chiuso lo scorso autunno.

Umberto a mare – Soprattutto pesce (freschissimo) in questo ristorante dalla posizione straordinaria. Una terrazza a picco sotto la chiesa del Soccorso a Forio, uno dei luoghi più suggestivi di Ischia. Al tramonto, uno spettacolo unico. Abbinamenti creativi il giusto, con ricordi persistenti della tradizione.

 

Prezzi medi:
 

Il Focolare - Ischia è "un'isola di terra", non ce ne dimentichiamo. Ce lo ha ricordato proprio Riccardo D'Ambra, patron del Focolare, quando ci ha raccontato il coniglio da fossa. E il Focolare è un ristorante di terra, attentissimo ai prodotti, agli ingredienti, anche recuperati, che offre una cucina semplice ma solida, di verdure, di carni pregiate e tante erbe aromatiche spontanee, di pasta fresca ma anche di lumache e, in stagione, di funghi e castagne. Un'oasi di fresco tra i boschi del Cretajo, refrigerio anche a Ferragosto.

Un attimo diVino - La celebre riva destra del porto di Ischia è tutta una lunga teoria di ristoranti, di quelle che spaventano e preoccupano perché richiamano alla mente turisti sprovveduti catturati al passaggio da "buttadentro" che illustrano lunghissimi menù in cui c'è tutto e il contrario di tutto. Bisogna percorrerla tutta, la riva, e arrivare in fondo, per trovare Raimondo Triolo, cuoco siciliano trapiantato ad Ischia, e la sua mano felice per tutto ciò che è pesce. Pesce cucinato in pulizia, con largo uso di erbe e aromi e tutta la sapienza sicula, in questo locale piccolo, rilassante e piacevolissimo che sarebbe un'enoteca ma in cui si viene per il sapore del mare. In giorni stabiliti anche cous cous di pesce trapanese, profumato con cannella e mandorle, davvero diVino.

La vigna di Alberto - Un cancello, senza insegna, con un citofono a cui suonare, che si apre su un giardino affollato di oggetti contadini, vasi enormi di sott'oli, ceramiche, ferro battuto. Una cucina tradizionale, un po' di mare, un po' di terra, tanti antipasti, dalle verdure estive semplicemente grigliate o ripiene alla mozzarella coi pomodorini, dalle cozze al polpo, e la miglior pasta e patate con la provola che possiate trovare.

La capannina – Per me, questa è la casa dei bucatini con il sugo di coniglio. Il panorama è incantevole, vastissimo e libero, il locale rustico quanto può esserlo una terrazza in legno, la cucina anche. Un locale tradizionale, con primi piatti serviti in tegliette di terracotta. E i bucatini, i bucatini sono un autentico peccato di gola.

 

Economici:

Mamma Teresa – Non la troverete mai nelle rassegne modaiole, trendy e gourmettare, ma Mamma Teresa ha il suo perché. E' una trattoria-pizzeria senza panorama, senza verde intorno, che offre una cucina locale veramente semplice ma anche molto saporita. L'antipasto a base di fritti vari è abbondante e buonissimo, soprattutto le polpettine. La parmigiana di melanzane favolosa. Porzioni notevoli, piatti rassicuranti, prezzi bassi. Una risorsa.

 

Il Mosaico dell'Hotel Terme Manzi – Piazza Bagni 4 – Casamicciola Terme – Isola d'Ischia – tel. 081 994722 

Il Melograno - Via Giovanni Mazzella 110 – Forio d'Ischia – tel.081 998450

Umberto a Mare – Via del Soccorso 2 – Forio d'Ischia – tel. 081 997171

Il Focolare – Via Cretajo al Crocefisso – Barano d'Ischia – tel. 081 902944

Un Attimo diVino - Via Porto 103 – Ischia – tel.081 19368069

La Vigna di Alberto – Via Garibaldi 57 – Barano d'Ischia – tel. 081 901193

La Capannina - Via Nuova Campagnano 4 – Ischia – tel. 081 901017

Mamma Teresa – Via Fango 1 – Lacco Ameno – Tel. 081 995935


Articoli correlati:

  1. Transumare in Irpinia

Articoli più recenti dello stesso autore:
  1. Grazie, genio: invenzioni in cucina
  2. L’universo in un chicco. Di fonio.
  3. Torvehallerne, Mercato alla danese
  4. Tonno sì, ma del Chianti
  5. Dolci dalla fine del mondo
  6. Il bello di Taste
  7. Colori artici – I mercati finlandesi
  8. espansionismo pizzaiolo
  9. Cetara, le alici, il tonno e il circolo virtuoso
  10. Menù inquieti: dal nulla al troppo
Tags:  ,

Lascia un Commento


Puoi commentare tramite il tuo account Facebook

ARCHIVIO