Cucinare con i fiori

Cucinare con i fiori

Cucinare con i fiori Frittelle ai fiori di carota, gamberetti, mele e rose, acciughe alle pratoline, tagliolini e lavanda, frittata ai fiori di trifoglio, anatra ai fiori d'arancio, crostata di rose, pasticcini al lillà. Ecco alcune delle centouno ricette che potete trovare in un libello di qualche anno fa, interamente dedicato ai fiori.

Di ricettari che parlino di fiori ultimamente se ne sono visti parecchi. Si ha però l'impressione che si tratti di un parlare un po' vuoto, teso più al sensazionalismo e al colpo di scena, avulso dalla conoscenza vera e propria della materia di cui si dovrebbe occupare.

Ecco perchè abbiamo deciso di riesumare un libro vecchio di quindici anni che parla di fiori anzi, che i fiori li annusa e li mastica. E' un testo che viene alla luce prima della nascita di qualsiasi vezzo modaiolo, che è intriso di terra e al tempo stesso di quella leggerezza che è propria dei fiori.

Le centouno ricette presentate (sia chiaro, alcune un po' 'anni 90' ma che ci strappano ugualmente un bonario sorriso) sono tutte pazientemente manoscritte e accompagnate da splendide illustrazioni a colori ad opera dell'autrice stessa.

I capitoli sono suddivisi in maniera 'classica', a cominciare dagli antipasti per finire con i liquori. Unica particolarità: l'ultimissimo capitolo intitolato 'Civetterie' che, solo dal nome, ci ha definitivamente conquistati.

 

Cucinare con i fiori – centouno ricette profumate

Lina Marenghi

Priuli & Verlucca editori

 


Articoli correlati:

  1. Cucinare le erbe selvatiche
  2. Fiori di sambuco in tempura
  3. l’inconfondibile tristezza della torta di limone

Articoli più recenti dello stesso autore:
  1. Non solo tortelli di zucca
  2. La borragine, borago officinalis
  3. L’asparago bianco di Cilavegna
  4. L’asparago rosa di Mezzago
  5. La torta sbrisolona
  6. La minestra più povera che c’è
  7. Il primo pranzo futurista
  8. Il manifesto della cucina futurista
  9. Come si fa il pane
  10. Il broccoletto di Custoza
Tags:  ,

Lascia un Commento


Puoi commentare tramite il tuo account Facebook

ARCHIVIO