Roti John, l’hamburger reinventato a Singapore

Roti John

Per capire la cucina di Singapore si prendano una dose di cucina cinese e una di cucina indiana, due di cucina malese, una bella manciata di cucina indonesiana e di cucina nonya, si aggiunga un’influenza inglese e portoghese e una spruzzata di tutte le cucine delle vicinanze, soprattutto tailandese e dello Sri Lanka. Si saltino tutti questi ingredienti a fuoco vivo nel wok e ne usciranno profumi e colori sorprendenti e perfettamente amalgamati, proprio come gli abitanti di questa moderna metropoli di cinque milioni e mezzo di abitanti su un fazzoletto di terra di poco più di 700 km quadrati. Leggi tutto

Parigi, la nascita del ristorante e il Bouillon Chartier

IMG_6175-001

Nel suo libro “In principio era la tavola”, Adam Gopnik racconta la storia più o meno così.
Secolo XVIII, venticinquennio che precede la Rivoluzione Francese: è allora, a Parigi, che nasce il ristorante moderno. Gli studiosi attribuiscono l’evento, a suo modo anch’esso rivoluzionario, a cause intellettuali, commerciali e morali.
Ovviamente esistevano anche prima dei luoghi in cui sfamarsi a pagamento, le taverne, le locande, le tables d’hôte, ma si mangiava seduti a tavole comuni, gomito a gomito con estranei talvolta (spesso) sbronzi, si consumava il piatto preparato quel giorno, piacesse o meno, e le donne ne erano escluse. Leggi tutto

Se non è zuppa è pan bagnato

Pho3

La zuppa più semplice della cucina italiana tradizionale si chiama acqua cotta. All’origine era una pietanza poverissima dei bovari maremmani, a base, appunto, di acqua nella quale si facevano cuocere erbe di campo, poi la si ispessiva con una fetta di pane e chi l’aveva aggiungeva un uovo. Oggi esiste una versione più ricca, magari fatta con brodo e bietole o spinaci, pomodoro, pane, uovo e formaggio grattato. Però il nome rende bene l’idea: zuppa elementare. Leggi tutto

Il manzo di Rovato

Si ringrazia l'Ufficio Stampa del comune di Rovato

Rovato è un ridente paesino della Franciacorta, in provincia di Brescia. Già dall’epoca romana, ma ancor di più regolarmente a partire dal periodo longobardo, vi si svolge un importante mercato del bestiame. Ancora oggi, ogni anno, due settimane prima di Pasqua, si tiene l’evento zootecnico “Lombardia Carni”, e il mercato del lunedì di Rovato è stato insignito del predicato ‘mercato storico’. Leggi tutto